17/01/19

Un camper 2 pelosi due amiche in viaggio

Nel corso del capodanno trascorso a Ferrara con i nostri 2 camper e i nostri 2 amici pelosi nella vicina Ferrara, io e Gil abbiamo programmato un'uscita di 5 giorni, dopo aver visionato la cartina dell' Italia la scelta è caduta su Civita e dintorni compreso capatina alle terme dei Papi.
Uscita prevista per martedì 8 Gennaio, un attento controllo dei vari portali di meteo indicava neve nella zona e l'idea di trovarla lungo il percorso, sicuramente al Verghereto ci ha indotto a cambiare piano di viaggio, tutte e due temerarie, decidiamo di partire per andare a visitare il castello di Miramare a Trieste. uno sguardo alla cartina e la ricerca delle informazioni sul cosa vedere nei dintorni, muovendola con il dito i miei occhi cadono sulla bellissima Montagnana, chiedo a Gil cosa ne pensa ok dice, senza indugio si abbandona Trieste anche perché anche per quella zona il meteo non è clemente a differenza della zona dei colli Euganei e dintorni, ci accordiamo per partire e  decidere in viaggio dove fermarci.
Arriva l’atteso giorno della partenza, la scelta è di sperimentare il viaggio con un solo camper e così il viaggio a inizio con un equipaggio composto da 2 cani e 2 donne Mary, Gil, Benny e Spillo,
 Prima tappa a Fratta Polesine, 
presa dai ricordi di un altro viaggio ci fermiamo per visitare il museo e la villa Badoer ma ahimè.. in bassa stagione sono aperti solo il fine settimana, niente paura, noi viaggiamo anche per conoscere e assaporare i piatti tipici della zona e allora si interpella il nostro efficientissimo assistente Google: dove mangiare il somarino, prontamente troviamo un bel ristorante dove fanno il musso (somarino) con polenta, sistemati i nostri amici pelosi si esce per il pranzo. Il locale è veramente bello e tenuto bene e la cucina favolosa, per non parlare del prezzo veramente basso. Caffè in camper per sperimentare la nuova moka con cialda.
Si riparte per Este, lo stupore nel vedere le mura tenute molto bene come i giardini interni, saliamo con il camper fin dietro alle mura in una stradina stretta fin dove è possibile, scattiamo alcune foto delle mura illuminate dai lampioni. 
E' già buio, e decidiamo di ripartire per raggiungere Montagnana.


Per me è la terza volta, ma è sempre un'emozione entrare in questo paesino che ha rimasto le mura intatte negli anni.
Parcheggiamo in pieno centro, la serata passa fra passeggiate, giochi con i nostri fedeli amici
La mattina ci accoglie una fitta nebbia, ma non ci perdiamo d'animo dopo un'abbondante colazione si esce con i nostri bei cagnoni per visitare la città, prima tappa visita guidata al castello di San Zeno e qui troviamo la prima sorpresa, nel pomeriggio si registra la puntata di Sereno Variabile con Osvaldo Bevilacqua.



Il museo del castello è veramente interessante e la ragazza che ci ha guidato, molto brava e preparata. Si decide di visitare la torre nel pomeriggio nella speranza di sconfiggere la nebbia. Purtroppo la nebbia ha avuto la meglio e la visuale dalla torre non ci permette di vedere il mare.
Ritorniamo nel cortile del castello e insieme ai figuranti aspettiamo l'inizio delle riprese della puntata che andrà in onda sabato 2 febbraio.

Rientriamo nel nostro accogliete rifugio su ruote piuttosto infreddolite, l'accoglienza e le coccole dei nostri cuccioli ci riscaldano il cuore e il tepore dell'ambiente il corpo, cena in camper e per finire la giornata la passeggiata con i nostri cocchi avvolti da una fitta ma romantica nebbia e poi... tutti a nanna.
La mattina ci regala  un bel sole, ne approfittiamo per scattare qualche foto panoramica, si riprende la strada direzione Arquà Petrarca, la sosta camper si trova tra il cimitero e la chiesa all'ingresso basso del paesino, al quale si accede tramite una scalinata che conduce direttamente alla piazzetta dove si erge la tomba del  sommo poeta Petrarca.
Il periodo di bassa stagione rende quasi deserto il paese, decidiamo di parcheggiare nel parcheggio alto, assolutamente sconsigliato in altri periodi perché gli stalli non sono di misura camper.
Sistemato il nostro mezzo, ci incamminiamo per la piazzetta dove si trova come detto la tomba di Petrarca,
 nel nostro girovagare ci imbattiamo in un piccolo mercatino di verdure, una cosa ci colpisce… in un  secchio  all'interno qualcosa  assomiglia a fondi di carciofi, incuriosite ci fermiamo e chiediamo al proprietario "sono fondi di carciofi"?
Il fruttivendolo ci guarda stupito per la domanda a cui risponde con un si, ma ancor più stupito alla domanda… come si cucinano come dire… ma da dove saltate fuori voi due..  ci risponde vanno lessati…. ci guardiamo in faccia sorridendo e decidiamo di acquistarne un po' anche per sperimentare i cibi del luogo…
Terminata la passeggiata ritorniamo  al  camper per sperimentare i fondi di carciofo, con l'alleato segreto della mia cucina in camper e siccome non conoscevamo questo meraviglioso prodotto del territorio disturbiamo di nuovo il nostro amico Google che a domanda gentilmente ci informa che vengono cucinati con aromi e brodo, visto la passione ci accumuna per la cucina a  me e Gil e soprattutto lo sperimentare nuovi piatti ci buttiamo e quello che vedete nelle foto  è il risultato, sono davvero ottimi,  li abbiamo accompagnati con sovracosce di pollo arrostitite.
 A domani per il proseguo del nostro viaggio e la descrizione della ricetta dei nostri fondi di carciofi.
Ciaoooooooooooooo



06/01/19

Pronta per distribuire i regali...Si parte!

Cari amici camperisti sono pronta, oggi sono passata da Galassia camper a prendere i vostri regali,
Ho dimenticato qualcosa? certo che si, i liquidi per il wc
Lista degli amici che aspettano i regali controllata e allora forza si parte, la visibilità c'è, non resta che
mettere in moto, inserire il turbo e viaaaaaaaaaaaa.
                           

Per prima cosa scendo a distribuire i regalini e i dolciumi ai bambini
I miei piccoli fans sono accontentati
Riprendo quota e....
Eccoli i miei amici camperisti mamma mia, ma quanti siete, ciaoo ciao ciaooo .....
non spingete, calma, calma scendo e vi raggiungo ai camper. 






e... in viaggio con voi  con le nostre guide pratiche

03/01/19

Viaggiare in camper in pieno confort



E' arrivato il freddo in gran parte d'Italia, ma la cosa strana è che la morsa del freddo con nevicate abbondanti è al sud. Pare si sia capovolto il mondo.
Per le vostre vacanze riparatevi dal freddo mettete il cappotto anche al vostro camper.
guarda qui una piccola guida
date uno sguardo ai nostri oscuranti termici qui

e... in viaggio con voi  con le nostre guide pratiche

2019 Pausa festività finita e ora si ricomincia

Per prima cosa voglio augurare a tutti un felice 2019, che sia un anno di gioia e serenità per tutti.
Oggi ho passato la giornata riordinando le scartoffie.
Ho così ritrovato un vecchio plico di ricette e fra queste  un dolcetto che la nonna mi preparava da bambina "il semolino fritto".Il nome della ricetta non ci fa venire l'acquolina in bocca, non viene neppure voglia di provarlo, ma vi assicuro che sono una vera leccornia, diciamo una versione dolce dei famosi gnocchi alla romana.
Per chi volesse provarla la trova qui,


e... in viaggio con voi  con le nostre guide pratiche

19/12/18

Sono in arrivo le Festività più belle dell'anno e allora aperitivo time


Natale si avvicina e in vista del periodo più amato dell’anno e dei preparativi per la festa, uno dei viaggi più belli e incantevoli è quello alla scoperta dei mercatini di Natale.
Ce ne sono in tutte le grandi città e nei paesini: in Italia e in Europa
I mercatini di Natale storici, più belli e curati riflettono le usanze, le tradizioni e le caratteristiche del luogo dove si svolgono. Per questo motivo ognuno è differente dall’altro, nonostante alcuni tratti comuni. Ognuno ha la sua storia, le sue particolarità, i suoi prodotti locali e un ambiente unico che lo rende originale. Per questi motivi a visitarli tutti non ci si stancherebbe mai.
E per un aperitivo speciale in queste belle serate con amici e parenti ecco la treccia di pan brioche salata, da tempo me la chiedete e allora eccola qua la mia ricetta super collaudata di sicuro successo.
Lo scorso anno questa ricetta l'ho trasformata in alberello di Natale, stesso ripieno e questo è l'effetto
Per la ricetta della treccia clicca qui


e... in viaggio con voi  con le nostre guide pratiche

13/12/18

Stella di Santo Stefano ricetta di Valeria



Tra il 24 e il 25 Dicembre gli Italiani tirano fuori le proprie conoscenze culinarie per imbandire la tavola della cena della Vigilia e pranzo di Natale da veri chef. Da Nord a Sud la tradizione ha menù molto diversi tra loro, Si da predilezione a brodi e arrosti. Tutti però, rigorosamente fatti in casa.




La mia cucina è a metà fra la romagnola dove sono nata e vivo e la marchigiana regione dove vivevano i miei genitori. Che dire io però pensando al pranzo di Natale metterei in tavola affettati misti con piadina romagnola, crostini toscani, cappelletti di carne in brodo di cappone, lasagne al forno, coniglio arrosto con olive nere e finocchietto, il mio famoso roastbeef , verdure alla griglia e patate arrosto, dolce porco spino e tiramisù.
Intanto posto questa golosissima ricetta, la "Stella di Santo Stefano"
La ricetta prevede la nutella, ma potete sostituirla con marmellata, burro fuso e zucchero, mandorle noci e uvetta o con ...la vostra fantasia, 
Per la variante salata...un bel ripieno di fontina e prosciutto cotto e allora ecco pronto uno stuzzichino originale per l'aperitivo .
La ricetta la potete leggere cliccando qui

01/12/18

Il cassone

la ricetta della tradizione romagnola


Ingredienti:
500gr. di erbette di campo o bietoline e spinaci
1 spicchio di aglio
olio E.V.O.
sale e pepe

per l'impastp:
500 gr di farina 00
100 gr. di strutto
1 bicchiere di acqua tiepida
un cucchiaino di bicarbonato
1 cucchiaino di sale
Preparazione:
Fate una fontana, al centro mettete lo strutto un pò d'acqua, il bicarbonato e cominciate ad impastare, continuate ad aggiungere acqua fin quando serve a dare la consistenza del lobo dell'orecchio.
Fate una palla, infarinatela e mettetela in una ciotola a riposare coperta per circa un'ora.
nel frattempo...
Lavate le erbette fatele bollire per circa 5 minuti in acqua salata. scolatele
appena raffreddate strizzatele bene in modo da togliere tutta l'acqua di cottura, tagliatele a coltello.
In una padella mettete un pò di olio fate dorare lo spicchio di aglio e poi aggiungete le erbette e fatele saltare per 5 minuti o fino a quando non si asciuga tutta l'acqua di cottura.
Dall'impasto ricavate delle palline dalle quali dovrete ottenere dei dischi di circa 15/18 cm da stendere con il matterello.
Mettete al centro del disco un pò di ripieno e chiudete a mezzaluna continuate fino ad esaurimento dell'impasto.
Cuocete su una piastra ben calda da entrambi i lati.



ALCUNI CONSIGLI

Fate attenzione a chiudere bene i cassoni altrimenti durante la cottur potrebbe fuoriuscire il ripieno.
Quando ripiegate il disco su se stesso, premete bene i bordi e poi premeteli a corona con i rebbi di una forchetta.


Il Cassone, Cascione, Crescione , in Romagnolo Carson o Casòun è una preparazione tipica che deriva dalla piadina.
Il Cassone può essere farcito anche con
Pomodoro mozzarella
Patate
Pomodoro, mozzarella funghi
Pomodoro, mozzarella, melanzane
Pomodoro, mozzarella, tonno
Pomodoro, mozzarella, wurstel
Pomodoro, mozzarella, olive
Pomororo, mozzarella, salsiccia
Patate, funghi, formaggio
Patate, salsiccia
Erbe, salsiccia
Erbe, formaggio
Pom., moz., prosciutto cotto e funghi
Prosciutto cotto, moz., carciofini
Pom., moz.,olive, salsiccia
Salsiccia, cipolla
Tonno, cipolla
4 formaggi
Squacquerone e rucola
Patate, pancetta, mozzarella
Pom., moz., speck, funghi
Radicchio, 4 formaggi
Erbe, prosciutto crudo, mozzarella
Pancetta, radicchio, scamorza
Speck, mozzarella, porcini
Crescioni alla nutella
e..........con la vostra fantasia.

                                         Provati per voi da noi

e... in viaggio con voi  con le nostre guide pratiche
               

30/11/18

Budino di riso


Stasera posto una ricetta che proviene dalla tradizione Emiliana Romagnola, tramandata a me da mia suocera, non amava cucinare,
preferiva lavorare in campagna, ma questo era il suo cavallo di battaglia.


Latte, un litro.
Riso, grammi 160.
Zucchero, grammi 100.
Uva di Corinto (sultanina), grammi 80.
Canditi, grammi 50.
Uova, due intere e due rossi.
Rhum, un bicchierino.
Pizzico di vaniglia.
una noce di burro

Cuocete bene il riso nel latte e a metà cottura aggiungete lo zucchero, l'uva, il candito a pezzetti piccolissimi, una presa di sale, e il burro. Quando è cotto, ritiratelo dal fuoco e ancora caldo, ma non bollente, aggiungete le uova, il rhum e la vainiglia, mescolando bene ogni cosa, meglio se con una frusta. Poi versatelo in uno stampo da budino unto bene col burro e spolverizzato di pangrattato; cuocetelo in forno a bagnomariaa 180 gradi.
Lasciate indietro un terzo del latte per aggiungerlo, se occorre, via via che il riso rassoda.

Nota: Io preferisco caramellare lo stampo, variando così la ricetta originale.
Questo budino è ottimo sia tiepido che freddo.
Potete cuocere il budino a bagnomaria utilizzando al posto del forno un tegame e coprendo con il coperchio Euro Wonder Cooker



risparmierete elettricità e sarà perfetto.

e... in viaggio con voi  con le nostre guide pratiche

29/11/18

TORTA AL COCCO FREDDA

Ingredienti:

camperchefroad
70 gr. di burro
250 gr. di farina di cocco
250 gr. di biscotti osvego o secchi
100 gr. di zucchero
1 bicchiere e 1/2 di acqua (bicchiere da nutella come misura)
150 gr. di cioccolato fondente
procedimento:
In una terrina impastare il burro con lo zucchero, aggiungere la farina di cocco avendo cura di toglierne 2 cucchiai.
Tritare i biscotti con un matarello, aggiungerlo al composto e impastare con acqua.

Mettere il composto in una tortiera con cerniera per sformarla più facilmente.
In alternativa mettere in un piatto da portata e date la forma di una torta con le mani.
Porre in frigorifero per almeno 30 minuti per fare rapprendere il burro.
Nel frattempo fate sciogliere a bagnomaria il cioccolato fondente.
togliete la torta dal frigorifero e fate colare il cioccolato fondente sopra.
Riporre in frigorifero per almeno un'oretta.
prima di tagliare la torta cospargere con la farina di cocco che avete tenuto precedentemente da parte.

Questa torta veloce da fare adatta per gli amici camperisti perchè è veloce e non necessita di cottura ha sempre un grandissimo successo.

e... in viaggio con voi  con le nostre guide pratiche


Soiamisù



Ingredienti:
Savoiardi q.b.
500 gr. di latte di soia
500 gr. di panna vegetale
zucchero di canna q.b.
2 cucchiai di fecola di patate
1 baccello di vaniglia
cacao amaro in polvere
Preparazione:
In un pentolino riscaldate il latte di soia, aggiungete la fecola e la vaniglia
facendo sciogliere bene il tutto.segue
Provate questo originale tiramisù leggero e gustoso.


28/11/18

Torta alle amarene soffice





Ingredienti:
100 g farina,
3 uova,
100 g farina di mandorle,
160 g zucchero,
1/2 bustina di lievito per dolci,
buccia grattugiata
di 1 limone,
1 cucchiaio di maraschino,
40 g olio di oliva,
600 gr ciliegie.
Procedimento:
Montare le uova con lo zucchero fino ad ottenere un composto chiaro e spumoso.
Unire l'olio, il limone grattugiato, la farina di mandorle, il maraschino e mescolare bene.
Setacciare la farina con il lievito e metterla a pioggia nel composto mescolando per amalgamare bene il tutto.
Imburrare ed infarinare una tortiera, versare il composto e sopra poi distribuite sopra le ciliegie denocciolate e cuocere nel kit forno medio-bassa per circa 35 minuti.

 kit 



e... in viaggio con voi  con le nostre guide pratiche