04/05/17

COME SMONTARE E CARICARE LA ZANZARIERA ED OSCURANTE DELLA FINESTRE SEITZ. di Sandro Giusti


In questa pagina cerco dispiegare come poter togliere la zanzariera e l'oscurante della finestra Seitz del mio camper per poi riuscire a tenderla in quanto sempre molla e rumorosa in viaggio.
Con pazienza il lavoro è eseguibile in circa 1 ora max.
Fase 1
togliere i tappini copriviti in plastica si vedono i copriviti che sono inseriti a pressione e quindi bisogna far leva piano con un cacciavite nella parte alta che è poco accessibile la punta della lama di un cutter o un coltello.
Fase 2
svitare tutte le viti attorno al bordo della finestra. Cacciavite a stella e svitare nella parte a vista . Nella parte con poco spazio ho usato una chiave a cricchetto così ho potuto accedere alla vite per svitarla cosa che altrimenti con un cacciavite normale non avrei potuto.
Fase 3
Una volta tolta tutto il blocco zanzariera ed oscurante che rimangono attaccati nel retro del profilo , si procede con svitare un lato e togliere il coperchietto ferma rullo.
Fase 4 
Una volta svitato un lato si estrai il rullo dalle sedi (basta sfilarlo) e lasciando il perno interno ancorato sul lato si gira il rullo caricando la molla interna in modo che venga più duro. Io ho dovuto fargli fare diversi giri per caricarlo
Attenzione a non sfilarlo dalla sede altrimenti bisogno procere a riarrotolare e ricaricare la molla.
Una modifica che consiglio è quella di togliere le graffette (che si possono togliere facendo uscire il braccetto e scaricando la molla) con una piccola staffa in modo che una volta caricato il braccio rimanga nella sua sede in modo permanente e non rischi di uscire.
Fase 5
Reinserimento rullo in sede e bloccaggio con il fermo riavvitando le 2 vitine.
Si procede poi con le medesime modalità anche a far la stessa cosa con il rullo dell'oscurante e si rimonta il tutto.
I tappini di plastica una volta avvitate le viti si inseriscono a pressione e si incastrano.
Il lavoro richiede solo un po di pazienza ma è alla portata di tutti ed è più difficile a dirsi che a farsi.
Buon lavoro!!!



Posta un commento