29/04/17

Cavi della corrente. Di Sandro Giusti

Cavo x la corrente di Sandro Giusti
E consigliabile utilizzare sempre il cavo svolto; so che è molto più comodo lasciarlo sul "rocchettone" ma bisogna tener presente che un cavo avvolto è un'induttanza che "fa bobina", scalda e la sua portata nominale scende parecchio rispetto ad un cavo identico svolto (per 3.500/4.000W che sopporta senza danno un cavo svolto si può arrivare a 1.000/1.200 massimi per il medesimo cavo avvolto sul rocchettone) quindi bisogna "stare all' occhio" con gli assorbimenti e non sottovalutare il problema (ho fatto una prova con l'ultimo condizionatore Dometic da 1.200W usando un cavo da 1,5 mm quadri: avvolto sul rocchettone già scaldava, non in modo preoccupante, ma scaldava).
4) il rocchettone di cavo: meglio sempre farselo da soli e non acquistare quelli già confezionati. Un tanto per rendere il sistema adatto all' uso cui sarà sottoposto. Si acquista il supporto vuoto e si sceglie il cavo più adatto e del metraggio che stia comodo nel rocchettone senza troppa difficoltà anche avvolto male ...quando lo si "fa su" la prima volta tutte le spire cadono giuste, ben tese e "pare" che il cavo ci stia comodamente; in campeggio, al contrario, lo si "fa su" alla svelta e pochissimi (magari se piove) badano a come si dispongono le spire: accavallamenti ed avvolgimenti asimmetrici si sprecano e così il cavo prende molto più posto e magari poi nel rocchettone non ci sta più dentro con comprensibili disagi e scarrucolamenti vari, spire che si impigliano etc etc. Per quanto riguarda le "prese" devono essere omologate (quelle CE blu per capirci a due poli più terra) con ghiera di chiusura (so che esistono quelle identiche e senza ghiera e che costano pure di meno, ma non sono adatte per un uso esterno magari sotto la pioggia ...col sole siamo tutti leoni, ma evitiamo per quanto possibile i rischi ...basta poi che un cane vi faccia la pipì sulla presa ...e non è un evento poi tanto remoto ed improbabile ...ci avevate mai pensato?).
Quindi fate attenzione

26/04/17

pizza di pane

Come avrete letto nella sua pagina personale Valeria scrive in una rivista mensilmente le sue ricette e allora perchè non inserirle in originale?

rotolo tricolore

Come avrete letto nella sua pagina personale Valeria scrive in una rivista mensilmente le sue ricette e allora perchè non inserirle in originale?

Mozzarella in carrozza

Come avrete letto nella sua pagina personale Valeria scrive in una rivista mensilmente le sue ricette e allora perchè non inserirle in originale?

Composta di cocomero e zenzero


Come avrete letto nella sua pagina personale Valeria scrive in una rivista mensilmente le sue ricette e allora perchè non inserirle in originale?

Insalata estiva in crosta




Come avrete letto nella sua pagina personale Valeria scrive in una rivista mensilmente le sue ricette e allora perchè non inserirle in originale?

07/04/17

Torta pasqualina


Ingredienti x l impasto 

gr 900 farina 00
1 lievito di birra
100 gr strutto
10 gr sale
pepe
gr 500 acqua tiepida
1 pizzico di zucchero 

Ingredienti x il ripieno 

gr 200 di salame milano
gr 150 di provola ( oppure altro a piacere )
gr 50 parmigiano grattugiato .
x decorare 4 uova fresche .

preparazione 

Sciogliamo il lievito nell' acqua tiepida , in una terrina mettiamo la farina , il sale , pepe , un pizzico di zucchero e mescoliamo . poi aggiungiamo lo strutto sciolto e l'acqua. impastiamo bene e lasciamo riposare coperto con della pellicola fino a che raddoppia di volume. Nel frattempo tagliamo a dadini la provola e il salame, riprendiamo l'impasto e dividiamo in 2 parti ( lasciamo un po d impasto x le gabbiette alle uova ), formiamo 2 crescie (dischi) rettangolari , spolveriamo con il parmigiano e infine i dadini . arrotoliamo cercando di mettere sotto le piegature. Mettiamo in uno stampo rotondo con il buco centrale unto di strutto, facciamo lievitare di nuovo. Una volta lievitato adagiamo le 4 uova lavate e asciugate facendo un po di forza x affondarle senza romperle, infine facciamo le gabbiette . mettiamo in forno caldo a 180 gradi x 45 minuti.

Buon appetito
Valeria

04/04/17

FESTIVAL DELLE MONGOLFIERE prenotate la vostra piazzola gratuitamente!

Vi aspettiamo numerosi a questo magnifico spettacolo che incanta grandi e piccini
L'immagine può contenere: sMS



Le mongolfiere, coloreranno i cieli emozionando le famiglie che vorranno trascorrere una giornata all'insegna del divertimento.
Numerose esibizioni sportive, culturali, ludiche e didattiche affiancheranno i voli e gli straordinari spettacoli offerti dalle mongolfiere. http://www.festivaldellemongolfiere.it/fc/Default.aspx
area camper riservata
STORIA DELLE MONGOLFIERE
Risultati immagini per Fratelli Montgolfier
Fratelli Montgolfier pensavano che accendendo un fuoco sotto la bocca del pallone, avrebbe prodotto un gas molto speciale, più leggero dell’aria, chiamato poi il ” gas dei Montgolfier”.
Questo gas salendo verso l’alto gonfiava l’aerostato e così la rudimentale mongolfiera si alzava in volo. In realtà questo gas non aveva nessuna proprietà magica, ma era solamentearia che al calor del fuoco diminuiva il suo peso specifico e saliva all’interno dell’involucro portando con sé in alto il pallone aerostatico.Risultati immagini per Fratelli Montgolfier
Il primo vero viaggio in aerostato della storia fu fatto a Parigi il 21 novembre 1783 da Jean-Francois Pilature de Rozier con il Marchese d’Arlandes il quale aveva il compito di alimentare il fuoco e tenere a bada con una spugna imbevuta di acqua i carboni ardenti che minacciavano di incendiare l’involucro.
Il primo volo con il pallone a gasfu fattoa Parigi nel dicembre del 1783 dal lo scienziato britannico Cavendish.





Percorse una distanza di 43 chilometri e in quella occasione fu anche raggiunta un’altezza di 2700 metri, dimostrando così che l’atmosfera non era un sottile strato gassoso ma che si estendeva fino a grandi altezze.





PROGRAMMA > LE MONGOLFIERE
TUTTI I GIORNI
10.00 - 11.00

MONGOLFIERE IN VOLO VINCOLATO
10.00 - 13.00

ESPLORA LA MONGOLFIERA
10.00 - 14.00

INTRATTENIMENTO NELLA MONGOLFIERA
14.00 - 18.00

ESPLORA LA MONGOLFIERA
15.00 - 18.00

INTRATTENIMENTO NELLA MONGOLFIERA
17.00 - 19.00

MONGOLFIERE IN VOLO VINCOLATO
17.30

MONGOLFIERE IN VOLO LIBERO
20.30

SPETTACOLO CON MONGOLFIERE ILLUMINATE A RITMO DI MUSICA

I VOLI VENGONO EFFETTUATI IN BASE ALLE CONDIZIONI METEREOLOGICHE E A DISCREZIONE DEL DIRETTORE DEI VOLI. GLI ORARI QUINDI POSSONO SUBIRE DELLE VARIAZIONI.





I VOLI VINCOLATI

Il volo vincolato dura 5 minuti. Le mongolfiere sono ancorate a terra in tutta sicurezza con apposite funi.

REQUISITI PER IL VOLO VINCOLATO

I partecipanti al volo vincolato in mongolfiera dovranno avere un'età superiore ai 2 anni

PREZZI DI VENDITA

7,00 € adulti

5,00 € bambini fino 12 anni (età minima 2 anni)

ORARI

10.00 - 11.00 MONGOLFIERE IN VOLO VINCOLATO

17.00 - 19.00 MONGOLFIERE IN VOLO VINCOLATO

ESPLORA LA MONGOLFIERA - INTRATTENIMENTO NELLA MONGOLFIERA

Entra nella mongolfiera ed esplorala dall'interno ascoltando la spiegazione del pilota.










LABORATORIO DIDATTICO COSTRUZIONE MONGOLFIERINA

Per tutti i bambini ci saranno i laboratori, seguiti da personale esperto, per costruire mongolfierine in 3D su cartoncino che potranno portare a casa come ricordo del Festival.











SPETTACOLO SERALE DELLE MONGOLFIERE ILLUMINATE

Dopo il tramonto il cielo stellato si impreziosisce di tante lampadine colorate: è la magia dello spettacolo di mongolfiere illuminate, l'esibizione a ritmo di musica che regala momenti mozzafiato alle 20.30 all'interno dell'area mongolfiere.

Lo spettacolo si articola in tre parti:

- il gonfiaggio delle mongolfiere che viene eseguito con colonna sonora che si conclude con il contemporaneo innalzamento di tutte le mongolfiere;

- esecuzione di brani vari;

- sgonfiaggio simultaneo delle mongolfiere.










I NOSTRI PILOTI

GAMBA ENRICO




ARGIOLAS MAURO




ANDREAS AIGNER







MONTEMURRO GUIDO




MARANGONI MIRKO




MELIS ALBERTO







SCHLEGEL MATTHIAS




MOSCARA RAFFAELE




PEDRI PAOLO







VASTANO IVAN




STORE MATTHIAS




TRANDIFIR ROBERT



......E TANTO ALTRO ANCORA...vedi qui