07/12/17

Telo termico per il portellone posteriore del vostro camper van furgonato


www.galassiacampershop.com/it/isolante-termico-portelloni-posteriori-furgonati/
Avete un camper Van? Volete tenerlo caldo e protetto? Allora non potete fare a meno di questo fantastico accessorio che vi tiene al caldo durante le vostre uscite invernali, ma potrete utilizzarlo anche per riparare l'interno dal calore del sole estivo.


Fantastico nuovo accessorio per ripararvi dal freddo che entra dal portellone del vostro van …, lo trovate in vendita nel nostro shop www.galassiacampershop.com

10/11/17

Orzo con gamberetti e pomodorini

le ricette di Valeria

Ingredienti 
300 gr orzo perlato , 200 gr gamberi sgusciati, 150 gr pomodorini , 5 filetti d acciuga sott' olio , sale olio e.v.o. , timo .
Preparazione 
Lessare l orzo in acqua bollente salata e scolare al dente , tagliare i pomodorini in quarti e insaporire con olio e timo .
Sciogliere i filetti d acciuga in una padella con un filo d'olio poi aggiungere i gamberi e cuocere velocemente. Togliere dal fuoco 
 aggiungere l orzo e i pomodorini e mescoliamo bene , lasciare raffreddare .
Buon appetito ito 

proteggetevi dal freddo


Fate come noi proteggetevi dal freddo Con i nostri oscuranti termici. 3 consistenze e 3 prezzi per ogni esigenza. Quello che vedete sul nostro camper è il più economico ideale per le uscite settimanali. Poi abbiamo la nuovissima copertura molto bella e resistente sia per estate che inverno.Infine la Cover multistrato per chi va in alta montagna.
Ovviamente disponibile anche la copertura per il motore.





Navigando nel nostro sito troverete i nostri oscuranti clicca QUI

         
                                                                con voi per viaggiare,


soste camper assistenza | utilita | convenzioni | raduni | fiere-eventi | camper club | associazioni territorio | contatti a tavola | fai da te scadenze | diari di viaggi sicurezza | sagre eventi | e-shop | siti amici |meteo |


07/11/17

Amarena di visciole di Cantiano



Ingredienti:
1kg. di visciole di Cantiano
400 gr. di zucchero
Procedimento:
Snocciolare le visciole mettere in un tegame con lo zucchero e farle bollire per 20 minuti, mescolando un po'.
Invasare subito e capovolgere il vasetto per fare l'effetto sottovuoto.
Ottima con gelato o sul pane per una golosa colazione.
Ricetta dello zio Pippo d'oro 😘

         
                                                                con voi per viaggiare,


soste camper assistenza | utilita | convenzioni | raduni | fiere-eventi | camper club | associazioni territorio | contatti a tavola | fai da te scadenze | diari di viaggi sicurezza | sagre eventi | e-shop | siti amici |meteo |

06/11/17

Problemi con il frigo sul camper? di Sandro Giusti



Funzionamento frigo trivalente e manutenzione
Problemi con il frigo sul camper?

Questa è la spiegazione di un frigorista che vi aiuterà a capire come funzionano i nostri frigo e perché in estate non funzionano a dovere, con alla fine alcuni consigli per farli funzionare meglio

Vi siete mai chiesti come si possa ottenere freddo da una sorgente di calore? È il principio sul quale lavorano i nostri frigo. Basilarmente è lo stesso che possiamo notare quando bagnando una mano si prova poi una sensazione di freschezza per tutto il tempo in cui l’acqua evapora. Quindi deduciamo che l’evaporazione sottrae calore, nei frigo il processo avviene in una serpentina dove l’ammoniaca evapora o meglio,prima viene scaldato per portarla allo stato gassoso, poi condensata nella parte superiore e allo stato liquido passa poi all’interno del frigo dove tramite l’idrogeno evapora raffreddando.

Come funziona.
camper frigo trivalenteL'unità si compone di quattro parti principali: la caldaia, il condensatore, l'evaporatore (interno al frigo) e il dispositivo di assorbimento. Quando l'unità funziona a gas, il calore è assicurato da un bruciatore. Nel funzionamento ad elettricità, il calore è prodotto da una resistenza inserita nella caldaia.
La carica è composta da una miscela di ammoniaca, acqua e idrogeno. Questi sono ad una pressione sufficiente per far condensare l'ammoniaca alla temperatura ambiente. Quando viene riscaldata,nella caldaia si producono vapori d'ammoniaca e acqua che salgono fino al condensatore. il vapore acqueo si condensa prima e ritorna nuovamente dentro la caldaia, lasciando che il vapore asciutto di ammoniaca passi nel condensatore. Il condensatore è dotato di alette di raffreddamento che contribuiscono a far raffreddare il vapore di ammoniaca a mezzo dell'aria che circola esternamente. Il processo di condensazione porta alla formazione di ammoniaca liquida che, a sua volta, viene convogliata nell'evaporatore.
Nell'evaporatore confluisce idrogeno. L'idrogeno passa attraverso lo strato di ammoniaca. Ciò produce l'effetto di abbassare la pressione del vapore di ammoniaca, abbastanza da permettere che l'ammoniaca liquida passi allo stato gassoso. L'evaporazione dell'ammoniaca estrae molto calore dall'evaporatore. Ciò, a sua volta, estrae calore dal comparto per alimenti ove lo stesso è posizionato, abbassando quindi la temperatura all'interno dell'intero frigorifero.
La miscela allo stato di vapore fra ammoniaca ed idrogeno passa dall'evaporatore al dispositivo di assorbimento. Un gocciolamento continuo di soluzione debole di ammoniaca (l’acqua che torna nella caldaia) entra nella parte superiore del dispositivo di assorbimento. L'alimentazione avviene per gravità . Questa soluzione debole scende attraverso il dispositivo di assorbimento. Entra quindi in contatto con la miscela gassosa di ammoniaca e idrogeno ed assorbe rapidamente l'ammoniaca dalla miscela. L'idrogeno alleggerito dal carico di ammoniaca risale quindi nell'evaporatore. L'idrogeno circola continuamente fra dispositivo di assorbimento ed evaporatore.
La miscela di ammoniaca che si produce all'interno del dispositivo di assorbimento scende nel contenitore sottostante e, successivamente rientra nella caldaia, completando così il ciclo di funzionamento.
Questo ciclo è continuo, fino a che si produce calore nella caldaia. Un termostato che controlla la fonte di calore regola la temperatura dello spazio refrigerato.
Tenuto conto che il liquido refrigerante è ammoniaca, si possono ottenere temperature con uno sbalzo di 40° rispetto alla temperatura esterna.
La manutenzione
La manutenzione è normalmente abbastanza semplice. Il bruciatore ed il tubo di scarico devono essere mantenuti puliti e la fiamma deve essere azzurra,senza odori di gas combusti. In caso si senta puzza di gas bruciato dopo aver pulito il camino è opportuno vuotare il fondo della bombola gas, dove potrebbe essere rimasto gas scadente.
Prima di metterlo in esercizio, il frigorifero dovrebbe essere attentamente livellato. Una pendenza eccessiva impedisce il funzionamento.

I consigli per un buon rendimento
Quando si parcheggia il veicolo il frigo va esposto a nord, in modo che il sole non scaldi l’intercapedine.

Infatti il calore impedisce al condensatore di fare il suo lavoro, per questo si ricorre all’aiuto delle ventole, che vanno posizionate in modo da creare un flusso di aria dal basso verso l’alto e possibilmente tra condensatore e assorbitore. purtroppo i kit in vendita tendono ad estrarre l’aria dall'intercapedine senza che la maggior di essa parte passi dal circuito, e se non si lasciano sempre accese tendono a bloccare il flusso naturale dell’aria, in quanto tappano la griglia.
La differenza termica tra freezer e temperatura ambiente deve risultare di 40°c con il termostato al massimo. Il termostato regola infatti la fiamma o l’elettricità, quindi se la fiamma vi resta sempre al minimo controllate il meccanismo nella manopola di regolazione temperatura, magari un colpo può averlo spostato.

Se tutto questo è a posto e comunque il frigo non funziona significa che la miscela all’interno si è deteriorata. In questo caso dopo averlo smontato con la cura di isolare i fili e il gas si può provare a capovolgerlo piu’ volte, ma solo nel 30% dei casi si risolve il problema. Una altra soluzione è ricaricarlo, in quanto a comperarlo usato può dare gli stessi problemi.

05/11/17

Torta alla ricotta e cioccolato

le ricette di Valeria oggi ci propone un dolce sfizioso e molto goloso
Torta alla ricotta e cioccolato

Ingredienti 
200 gr cioccolato fondente, 
180 gr burro , 
150 gr farina 0 , 
160 gr zucchero a velo, 
200 gr di ricotta
4 uova
Preparazione 
Fare sciogliere il cioccolato fondente a tocchetti con il burro , poi aggiungere lo zucchero a velo e amalgamare il tutto sul fuoco basso fino ad ottenere una crema omogenea . Lasciare raffreddare quindi incorporare i tuorli e la farina e la ricotta 
Aggiungere gli albumi montati a neve e mescolare , se l'impasto rimane troppo lento aggiungere un altro po di farina .
Versare l impasto in una teglia con carta forno e infornare x una ventina di minuti a 180 gradi . Far raffreddare 
Per decorare ho usato 50 gr di ricotta appena tiepida su un pentolino a bagno maria e ho aggiunto poca  acqua  il giusto per ammorbire mescolare bene .
Buon appetito
                                              
                                                                con voi per viaggiare,


soste camper assistenza | utilita | convenzioni | raduni | fiere-eventi | camper club | associazioni territorio | contatti a tavola | fai da te scadenze | diari di viaggi sicurezza | sagre eventi | e-shop | siti amici |meteo |

09/10/17

Inverter a onda sinusoidale modificata o pura



Inverter a onda sinusoidale modificata o pura: quale scegliere 

   Fai da te                          Risultati immagini per onda pura 

scritto da Sandro Giusti
Admin del gruppo di Facebook
"LA LIBERTA' DEL CAMPER"         




L’inverter è un dispositivo elettronico che trasforma una corrente continua in una corrente alternata alla stessa tensione oppure ad una tensione diversa. 

Sul mercato si trovano parecchi inverter a basso costo che, collegati alla presa accendisigari dell’ automobile, “trasformano” la tensione a 12Volts in tensione alternata a 220 Volts per poter alimentare dispositivi elettronici di bassa potenza. 

Questo tipo di inverter è composto concettualmente da due stadi, il primo eleva la tensione da 12Volt a una tensione di circa 300Volt. 

Tale tensione, negli inverter più semplici e di solito più economici, detti anche “ad onda sinusoidale modificata” (modified sine wave) , viene semplicemente modulata da due segnali digitali, uno controlla la polarità e uno la presenza o meno della tensione in uscita. Il risultato è che in uscita si ha qualcosa che è più simile ad un onda quadra che a una sinusoide. 



Negli inverter ad onda sinusoidale pura ( pure sine wave ) il secondo stadio è più complesso, la tensione di 300 volt del primo stadio viene modulata ad impulsi (PWM) ad una frequenza molto alta e poi filtrata, il risultato è che in uscita si ha una tensione sinusoidale la cui qualità spesso è superiore a quella di rete. 

OK ma cosa significa ? 

La prima cosa da dire è che i motori sono fatti per funzionare con una tensione sinusoidale, alimentarli con un onda quadra li danneggia, per cui se dobbiamo alimentare un qualcosa che ha un motore ( trapano, frigorifero, mola, etc) ci occorre un “pure sine wave”. 

Parecchi altri dispositivi potrebbero avere problemi se venissero alimentati con un onda non sinusoidale, esempio impianti HI-FI, lampade con “dimmer”, dispositivi che usano dei trasformatori nello stadio d’alimentazione, etc.. 

Quello che comunemente si può notare in dispositivi audio è un ronzio dovuto alle armoniche dell’onda quadra d’ingresso. 

Cosa ci possiamo alimentare quindi con un “modified sine wave inverter” ? 

In teoria tutto quello che ha uno stadio d’ingresso switching dovrebbe poter essere alimentato con un modified sine wave, ( TV, computer, caricabatterie, etc), però c’è da dire che questi dispositivi sono progettati per funzionare con una tensione sinusoidale e con questa testati. 

Alimentarli con qualcosa che non è sinusoidale, a meno che non sia esplicitamente scritto nel manuale d’istruzioni secondo me non è una buona idea e potrebbe comunque alla lunga danneggiarli. 

Personalmente con un “modified sine wave” ci alimenterei solo delle lampadine ad incandescenza ! 

Perchè allora comprare un “modified” invece di un “pure” ? 

Sicuramente per il prezzo, a parità di potenza i primi costano una frazione di quello che costano i secondi. 

Il mio consiglio è quello di optare sempre possibilmente per un onda pura, è vero che costa di più ma quando ci colleghiamo qualcosa siamo certi che la stiamo alimentando come da specifiche. 

Per quanto riguarda la potenza, quest’ultima va scelta in base a cosa dobbiamo alimentare, per carichi induttivi quali motori serve avere una potenza anche 5 volte superiore alla nominale per l’assorbimento di spunto, pena la mancata partenza del motore e il blocco dell’inverter. 

Ad ogni modo è buona cosa non far funzionare l’inverter al 100% della sua potenza nominale, se dovete alimentare una TV che consuma 150W, prendetene almeno uno da 300W, naturalmente ad onda sinusoidale pura.

 shop

05/10/17

Nuovo oscurante termico e nuove finestre e vetri di ricambio


cover

Il nuovo Oscurante Termico di ultima generazione.
Poco più spesso dell'oscurante estivo, un materiale morbido al tatto e resistente, un solo oscurante per estate ed inverno, con il minimo ingombro.
Fermo restando che rimarranno in vendita anche i precedenti modelli.
Lo troverete da domani in vendita sul nostro E-Shop.
E non potevano mancare le nuove finestre di produzione tutta italiana, che già trovate in vendita Qui  e-shop

cover


                                               
                                                                con voi per viaggiare,


soste camper | assistenza | utilita | convenzioni | raduni | fiere-eventi | camper club | associazioni | territorio | contatti | a tavola | fai da te | scadenze | diari di viaggi | sicurezza | sagre eventi | e-shop | siti amici |meteo |

02/10/17

FOCACCIA MORBIDA RIPIENA



Una focaccia da fare in camper senza utilizzo del forno FOCACCIA MORBIDA IN PADELLA . Facile da fare, senza forno, senza lunghi tempi di attesa, da gustare a pranzo, a cena.

Morbida e con un ripieno goloso, ogni volta diverso con l'aiuto della vostra fantasia.

FOCACCIA MORBIDA
Ingredienti:
500 gr di farina
200 gr di latte
80 gr di acqua
sale q.b.
2 cucchiai abbondanti di olio evo
continua.. leggi la ricetta completa QUI


Siete pronti a gustarvi questa prelibatezza?
Adesso date sfogo alla vostra fantasia riempiendo con tutto ciò che più vi piace, salsiccia funghi prosciutoo e.... BUON APPETITO!
con voi per viaggiare,